Scopri tutti i momenti chiave della Quintana di Ascoli Piceno
Tel. 0736.298223 - 261165 serv.quintana@comune.ascolipiceno.it

I MOMENTI DELLA QUINTANA

allertaSESTIERI ALL’ERTA

La città di Ascoli si tuffa nel medioevo con l’evento che apre la stagione della Quintana

La stagione della Quintana di Ascoli apre ufficialmente i battenti con “Sestieri all’Erta”, evento con il quale la città di Ascoli Piceno viene catapultata indietro nel tempo fino al medioevo. La suggestiva cornice di piazza Arringo diventa per l’occasione il palcoscenico naturale dove vanno in scena il Giuramento dei Consoli che vedrà coinvolti i sei Sestieri della città. Questo è l’avvenimento che darà formalmente inizio alla sfida al temuto moro.
Nel corso della manifestazione vengono allestiti anche un mercato e un accampamento medievali, nonché un’arena all’interno della quale si svolgeranno i Giochi fra sestieri, la Gara del lancio di “bomba” (tipico lancio della scuola di sbandieratori ascolana che consiste nel lanciare la bandiera più alta possibile per poi riprenderla senza farla cadere a terra) e altri spettacoli.

bandoLETTURA DEL BANDO

Il Camerlengo del gruppo comunale lancia la sfida ai sei sestieri 

La rievocazione storica vive anche di momenti e tempi che ricalcano i rituali delle antiche celebrazioni cittadine. Secondo gli statuti del tempo prima della giostra vera e propria avveniva la lettura del bando di sfida. Questo è l’atto che invita ufficialmente i Sestieri a sfidarsi. Scritto in lingua volgare il bando di sfida spiega le modalità della Giostra. Viene letto dal Camerlengo del gruppo comunale che per l’occasione percorre le antiche vie del centro per avvisare la cittadinanza ad assistere alla sfida dei cavalieri al Campo dei Giochi.

madonnaSALUTO ALLA MADONNA DELLA PACE

I sestieri rendono omaggio alla “Madonna del Latte” venerata nella chiesa di Sant’Agostino

La vigilia della sfida della giostra di luglio è caratterizzata dalla solenne cerimonia religiosa in cui avviene la benedizione dei cavalieri e l’estrazione dell’ordine degli assalti. II torneo cavalleresco di luglio è preceduto dall’omaggio alla Madonna della Pace, rituale che si svolge sul sagrato della chiesa di Sant’Agostino, in cui è custodia l’icona. La leggenda narra che le antiche famiglie ascolane, in guerra tra loro, si riconciliarono udendo il suono delle campane provenire dalla chiesa in cui ancora oggi è custodita l’effigie della “Madonna della Pace”.

arceriPALIO DEGLI ARCERI

I sestieri della città si sfidano a colpi di dardi nello scenario del Campo dei Giochi

Sibilano i dardi nella notte ascolana. Il lungo periodo quintanaro contempla anche la gara di abilità tra gli arcieri dei sei Sestieri. Teatro di questa imperdibile prova di precisione e freddezza è il Campo dei Giochi di “Ponte Majore”. La competizione venne istituita la prima volta come una tantum nel 1992, poi dal 1995 non ha più avuto interruzioni. Il battesimo della “Freccia d’oro” avvenne in piazza del Popolo, poi il campo di gara è cambiato più volte, ma è sempre stato allestito in altri luoghi incantevoli della città quali il Chiostro maggiore di San Francesco, piazza Sant’Agostino e piazza Arringo. Nel 2004 venne introdotta la competizione a squadre in cui ogni Sestiere schiera tre elementi. Le prove a cui si sottopongono gli arcieri sono: il “tiro allo scudo”, il “tiro al bastone”, il “tiro alle tavole” e il “tiro al pendolo”. Vince il Palio il sestiere che riesce a totalizzare il punteggio più alto dopo le prove previste. Al termine di esse viene stilata la classifica dei migliori otto arcieri che a seguire prenderanno parte ad un’ulteriore sfida per aggiudicarsi la “Brocca d’oro”, il trofeo che sarà vinto dal miglior arciere singolo.

 

ceriOFFERTA DEI CERI

I sestieri rendono omaggio a Sant’Emidio, Patrono della città, offrendo un cero votivo 

La Giostra di Agosto ha come prologo la cerimonia dell’ “Offerta dei Ceri”, celebrata a piazza Arringo dinanzi al Duomo. Nell’antichità i rappresentanti delle arti e corporazioni donavano al vescovo della città un cero votivo per accattivarsi la benevolenza del patrono Sant’Emidio. Il comune di Ascoli contribuiva con il “ciro grande”. Nella cerimonia, il vescovo di Ascoli legge un celebre brano tratto dalla prima lettera di San Paolo Apostolo ai Corinzi. Dopodiché avviene il sorteggio dell’ordine degli assalti della giostra del giorno seguente.

 

Vuoi immergenti nell’atmosfera medievale della Quintana?

Acquista i biglietti per assistere alla sfida tra purosangue della Giostra cavalleresca nei due appuntamenti estivi di luglio e agosto.

acquista biglietti

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci al numero Tel. 0736.298223 – 261165, o inviaci una e.mail a serv.quintana@comune.ascolipiceno.it

contattaci

Turismo accessibile e sostenibile: accoglienza e comunicazione avanzata per il turista


 

logo-mibac

Progetto realizzato con il contributo del Mibact, ai sensi del D.M. 13 dicembre 2010

Sponsor 2016:


 

Con il patrocinio di:


 

logo-VISITASCOLI

Pin It on Pinterest

Share This