Castelli Vassalli - Quintana di Ascoli Piceno
Tel. 0736.298223 - 261165 serv.quintana@comune.ascolipiceno.it

I CASTELLI VASSALLI DELLA CITTÀ

l caleidscopico corteo storico è impreziosito dalla presenza di nove gruppi in rappresentanza dei Castelli vassalli della città di Ascoli.

La loro storia si intreccia con quella della città tanto che già negli antichi Statuti si parla del loro ruolo e del fatto che erano tenuti a partecipare ai giochi della Quintana offrendo un drappo (Palio). Oggi la loro partecipazione alla Quintana è un momento non certo dovuto ma autenticamente sentito perché la manifestazione non è soltanto patrimonio della città bensì di tutto il suo territorio. Ecco perché i Castelli ne fanno parte integrante. E occorre riconoscere che la loro unione è una partecipazione emotivamente forte, di alto livello ed assolutamente integrata nel corpo stesso della Quintana.


CASTELLO DI ACQUASANTA TERME

Acquasanta Terme sorge nell’alta valle del fiume Tronto, incastonata fra i Sibillini a nord e i Monti della Laga a sud, e circondata da boschi di castagni plurisecolari, querce, faggi e abeti bianchi.

Come testimonia il nome, Acquasanta possiede sorgenti sulfuree intorno alle quali sorgono stabilimenti termali con vasche naturali libere alimentate da acqua calda. Le acque termali sono note fin dall’antichità per le loro proprietà curative. Nel Gonfalone è rappresentato uno scudo sannitico moderno, accompagnato in cima da corona murata e merlata di otto pezzi e, in punta, da due ramoscelli di alloro e di quercia legati con fiocco azzurro carico dell’iscrizione “ACQUA SANCTA”. Vi sono rappresentati gli stemmi degli antichi castelli compreso quello di Luco.


CASTELLO DI ARQUATA DEL TRONTO

Dell’origine di Arquata del Tronto non si hanno notizie certe, alcuni studiosi l’identificano con l’antica Surpicanum, posta tra le due “Statio” della Tavola Peutingeriana, Ad Martis e Ad Aquas.

Le prime menzioni di Arquata risalgono al secolo XI. Nel 1255 si diede spontaneamente ad Ascoli ricevendone in cambio ampia autonomia. Attualmente, oltre a capoluogo, il comune conta 12 frazioni e sul suo territorio si estendono ben due Parchi Nazionali, quello dei Monti Sibillini a nord e quello del Gran Sasso Monti della Laga a sud. Tale caratteristica è espressione dell’unicità di questa terra, fatta di irripetibili valori ambientali e testimonianze storico-culturali, diffuse nei suggestivi paesi del comune.
Si possono ammirare numerose testimonianze artistiche e storiche: la Rocca medioevale, dove la leggenda vuole abbia risieduto Giovanna D’Angiò di Napoli, e la chiesa dell’Annunziata con crocifisso ligneo policromo del Sec. XIII.


CASTELLO DI CASTORANO

Situato sulle colline che circondano la Vallata del Tronto ed abitato in origine da popolazioni picene, Castorano fu assoggettato dai Romani tra il 296 ed il 297 a.C., divenendo, così, una delle stationes della via del Sale che giungeva presumibilmente fino a Portum Truentum, l’attuale Porto d’Ascoli.

Nel 1283 la storia di Castorano s’intreccia strettamente con quella dello Stato Ascolano: in qualità di castello di secondo grado è, infatti, retto da un suo Vicario e deve annualmente versare la somma di 58 Ducati come garanzia di difesa.
Per tutto il ‘400 ed il ‘500 rimane coinvolto nella secolare guerra contro Fermo ed i suoi alleati di Oflida ed Acquaviva. Tale fase storica, per quanto tormentata, appare la più importante storia di Castorano, che allora vantava un ampio territorio, un ospedale un carcere, e costituiva anche il crocevia d’obbligo per chiunque volesse raggiungere il confinante regno di Napoli.


CASTELLO DI FOLIGNANO

Folignano è un comune posto su una collina, sul versante destro della bassa Valle del Tronto, alle falde della Montagna dei Fiori. Ritroviamo nel territorio la presenza di due fortificazioni: il Castello di Folignano e la Rocca di Morro.

Costituito da antichi nuclei storici, Folignano è stato fino al 1830 uno degli avamposti che costituivano il sistema di difesa della città di Ascoli Piceno, frequente teatro di cruente battaglie, soprattutto con la Rocca di Morro (Arx Murri). Terra di confine tra la Marca Pontificia e l’Abruzzo degli Svevi e degli Angioini, dei vicerè di Napoli e dei Borboni, è per questo ubicato in una posizione di notevole importanza strategica.
La città di Ascoli eleggeva ogni sei mesi un Vicario che avrebbe avuto il governo del territorio e del Castello.


CASTELLO DI PATRIGNONE

Libero comune fondato alla fine del XII secolo, Patrignone fu fin dall’origine alleato di Ascoli con cui ebbe rapporti anche a livello dirigenziale. Il Castello di Patrignone ha rappresentato nei secoli una sicura roccaforte della città Picena.

Il paese mantiene pressoché intatto l’impianto urbanistico medievale. Molto interessante è la chiesa di Santa Maria di Viminato, per il portale romanico gotico e le numerose opere d’arte contenute al suo interno. Un’ importante iscrizione del 1257, contenuta nella lapide murata sulla porta gotica del borgo Umberto I, accenna anche al dominio di Re Manfredi. Delle antiche mura castellane restano da ammirare soltanto le basi di due torrioni sul lato est del paese. Il “lavatoio”, la “fonte vecchia”, la chiesa ottagonale della “Madonna Tonna”, sono solo alcune delle altre pregevoli opere da ammirare in questo piccolo paese. 


CASTELLO DI PORCHIA

Porchia è un ex comune italiano della provincia di Ascoli Piceno, attualmente frazione di 400 abitanti di Montalto delle Marche.

Il territorio di Porchia è abitato fin dall’antichità, esistendo testimonianza della presenza di necropoli sia picene sia romane. La fondazione vera e propria risale però al IV secolo, durante le invasioni barbariche. Il borgo prende il nome di Porcia. Il castello porchiese sorge all’epoca delle incursioni saracene, intorno al IX secolo.
Nel 1291 il papa ascolano Niccolò IV attribuisce al castello la prima forma di autonomia, ammettendolo all’elezione del podestà. Di lì a poco Porchia entra a far parte dei castelli di Ascoli, come baluardo nordorientale della città. Ascoli offre a sua volta aiuto militare al castello (1319-1321). Di questo status la frazione reca tuttora traccia, con la partecipazione della sua rappresentanza alla Quintana di Ascoli Piceno.


CASTELLO DI RIPABERARDA

Ripaberarda è un ex comune italiano della provincia di Ascoli Piceno, oggi frazione di 850 abitanti di Castignano. Fronteggia il capoluogoda oltre la valle del torrente Chifente.

Il Castello di Ripaberarda, situato alle falde del Monte Nero (oggi dell’Ascensione), era una roccaforte di confine dello Stato di Ascoli e si governava a norma della città dominante, sia nel Temporale, che nello Spirituale, e pur avendo un proprio statuto municipale e quattro pubblici rappresentanti era retto da un podestà di nomina ascolana.
La particolare posizione strategica del castello accentuava lo spirito guerriero degli abitanti e, la conformazione difensiva della rocca, era di monito ad eventuali mire nemiche perchè difficilmente attaccabile.


CASTELLO DI ROCCAFLUVIONE

Roccafluvione è un comune  di 2.135 abitanti della provincia di Ascoli Piceno nelle Marche. È comune sparso con sede nella frazione di Marsia e fa parte della Comunità Montana del Tronto.

È possibile conoscere il territorio di Roccafluvione, nelle sue particolarità, affrontando i percorsi di interesse naturalistico e storico  architettonico che si snodano fra le sue frazioni. Sull’alto letto del torrente Fluvione, lungo la strada di Casacagnano, si osserva il ponte naturale formato dall’unione di due rocce, e per questo chiamato nativo, che oggi è il simbolo del Comune di Roccafluvione ed è rappresentato nel suo stemma.
Il Fluvione (che trae il nome dal latino “fluvius”, corso d’acqua). nasce dal Monte Vettore e si snoda per 13 Km all’interno del territorio di Roccafluvione. Fin dall’antichità ha rappresentato una risorsa importante per l’economia del territorio. La presenza di mulini idraulici, alcuni dei quali funzionanti fino ad alcuni anni fa, altri ristrutturati o in fase di restauro, ne è la testimonianza principale.


CASTELLO DI MONTEMONACO

Montemonaco, piccolo comune nel cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, offre un panorama stupendo dai monti al mare Adriatico.

Possiede tutte le peculiarità del centro montano: ambiente naturale incontaminato con boschi di querce, di castagno e di faggio, territorio ricco di funghi, tartufi e marroni, acque leggere strutture con oltre 1000 posti letto, che offrono possibilità di soggiorno, sport e riposo. In questo territorio, ricco di flora e fauna, ancora aleggia il culto fantastico e il pullulare di leggende medievali che hanno per protagonista la mitica grotta della Sibilla Appenninica, da cui prende il nome la catena montuosa che fa da sfondo al paese. La Sibilla Appenninica è una profetessa la cui misteriosa figura ha esercitato un grande fascino, soprattutto tra curiosi viaggiatori di varie epoche che, a più riprese, si sono spinti numerosi alla ricerca della grotta dove la stessa Sibilla dimorava.
Il comune è meta privilegiata degli appassionati di escursionismo che possono scegliere tra percorsi di varia difficoltà, da effettuare a piedi, in bicicletta o a cavallo.

Vuoi immergenti nell’atmosfera medievale della Quintana?

Acquista i biglietti per assistere alla sfida tra purosangue della Giostra cavalleresca nei due appuntamenti estivi di luglio e agosto.

Presto disponibili i biglietti

Hai bisogno di maggiori informazioni?

Contattaci al numero Tel. 0736.298223 – 261165, o inviaci una e.mail a serv.quintana@comune.ascolipiceno.it

contattaci

Turismo accessibile e sostenibile: accoglienza e comunicazione avanzata per il turista


 

logo-mibac

Progetto realizzato con il contributo del Mibact, ai sensi del D.M. 13 dicembre 2010

Sponsor 2017:


 

Con il patrocinio di:


 

logo-VISITASCOLI

Pin It on Pinterest

Share This